I miei romanzi sono un distillato di veleno / #fioriciechi

Postato il Aggiornato il

Fiori Ciechi_cover«La mia scrittura non è dolce, non è sentimentale, è volutamente tesa alla denuncia sociale e politica. Questo può essere considerato un difetto solamente da chi in letteratura è legato a vecchi stereotipi, triti schemi mentali che associano le donne a una scrittura di zucchero filato e a sentimenti da chioccia…

…I miei romanzi non hanno lo scopo di calmarvi come una camomilla piena di miele, sono un distillato di veleno. Lo scopo non è curare ma mostrare la ferita nuda in tutta la sua crudezza, attraverso simboli ed immagini che aprano la mente. Niente buonismo. I virtuosismi letterari di chi scrive bene ma non dice niente non mi interessano. Niente cieli azzurri e canto d’uccellini, idialliaci mondi di soavi profumi. Il mio romanzo, che piaccia o no, è una frattura di riflessione…».

«la letteratura è clava, lancia, pistola, proiettile che colpisce, è l’arma di chi pensa…».

Maria Antonietta Pinna

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...